Sei qui: Home » Notizie » Virus West Nile
- indietro - livello superiore - stampa questa pagina

Virus West Nile

Nel territorio opitergino sono stati riscontrati due casi di West Nile virus, fortunatamente senza gravi conseguenze. Il virus è trasmesso dalla zanzara comune e di solito non provoca alcun disturbo, ma in qualche caso può portare a conseguenze più serie.

Si riporta di seguito il testo di un documento predisposto dall'ULSS 9.

West Nile Virus
Il West Nile Virus di solito non provoca alcun disturbo, ma in alcuni casi, specialmente tra gli anziani, può causare malattie molto gravi.
Il prossimo mese e mezzo è quello dove è più probabile la trasmissione del virus all’uomo da parte delle zanzare comuni.
La miglior difesa è evitare le punture di zanzare perciò si raccomanda di
·    Stare il meno possibile all’aperto al tramonto e all’alba (quando le zanzare sono più attive)
·    Usare repellenti efficaci (con DEET, picaridina, olio di eucalipto citriodora)
·    Indossare pantaloni lunghi e camicie con le maniche lunghe quando si è all’aperto
·    Rimuovere l’acqua stagnante da tutti i posti dove le zanzare potrebbero deporre le uova
Di seguito informazioni più dettagliate

Che cos’è il West Nile Virus (WNV)?
E’ un virus  trasmesso dalle zanzare comuni (Culex pipiens) che può infettare persone, uccelli, cavalli ed altri animali. Nella maggior parte delle persone l’infezione da WNV non causa disturbi evidenti, ma in alcuni casi, specialmente tra le persone anziane, può causare gravi malattie come encefaliti o meningiti.
Il virus è diffuso in Africa, Asia e Medio Oriente ed è stato portato in Italia dagli uccelli migratori.
I primi casi di malattia grave nell’uomo in Italia sono stati nel 2008 a Rovigo e Ferrara.
Nell’ULSS di Treviso nel 2011 ci sono stati 7 casi gravi con 2 morti.

Come si trasmette?
Nella maggior parte dei casi, il West Nile Virus è trasmesso dalla puntura di una zanzara infetta.
Le zanzare si contagiano pungendo uccelli infetti e possono quindi diffondere la malattia all'uomo e altri animali quando li pungono.
E’ possibile la trasmissione del virus anche attraverso le trasfusioni di sangue e i trapianti di organi; per questo motivo il sangue e gli organi donati sono sempre controllati per la presenza di West Nile Virus.
In casi molto rari il virus è stato trasmesso dalla madre al feto durante la gravidanza e attraverso l'allattamento al seno.
Non si può prendere la malattia toccando o rimanendo vicini a persone o animali malati.

Tutte le zanzare sono infettanti?
No. Anche nei periodi di maggior rischio solo l’1-2% delle zanzare è portatrice del virus e quindi può infettare le persone.

Quali sono i sintomi della malattia?
La maggior parte delle persone infettate (circa l’80%) non avrà nessun disturbo.
Circa il 20% avrà sintomi lievi: febbre, mal di testa, dolori muscolari, nausea, vomito e a volte ingrossamento dei linfonodi o arrossamento della pelle.
I sintomi possono durare da pochi giorni a diverse settimane.
Meno dell’1% può avere una malattia grave: febbre alta, rigidità del collo, confusione mentale, tremori, convulsioni, debolezza muscolare, perdita della vista, paralisi, coma.
Questi sintomi possono durare diverse settimane e nel peggiore dei casi provocare un danno neurologico permanente e la morte.

Chi è a maggior rischio di malattia grave?
Le persone con più di 50 anni, e soprattutto quelle che hanno superato i 65, corrono il più alto rischio di malattia grave. Anche le persone con deficienze immunitarie hanno un rischio maggiore.
Nei bambini non c’è un maggior rischio di malattia grave.
Le donne in gravidanza e quelle che allattano non hanno un rischio aumentato, ma dovrebbero proteggersi con attenzione dalle punture delle zanzare, perché potrebbero trasmettere la malattia ai loro figli, anche se questa possibilità è molto rara.

Quanto dura l’incubazione (in quanto tempo ci si ammala dopo essere stati punti da una zanzara infetta)?
I sintomi compaiono da 3 a 15 giorni dopo essere stati punti dalla zanzara infetta, ma la maggior parte delle persone infettate dal West Nile Virus non ha alcun disturbo.

Come si cura la malattia da virus del West Nile?
Non esiste una cura specifica. La maggior parte delle persone infette guarisce da sola. Nei casi più gravi viene indicata una terapia di supporto intensiva (ricovero ospedaliero, apporto di fluidi e nutrimento per via endovenosa, assistenza alla respirazione…)

C’è un vaccino contro il virus del West Nile?

No, non esiste ancora un vaccino.

Cosa devo fare per ridurre il rischio di ammalarmi?
Evitare le punture di zanzare è il sistema migliore per prevenire la malattia da West Nile Virus.
Le zanzare che portano il virus sono quelle comuni, che pungono durante tutta la notte, ma sono attive specialmente dopo il tramonto e all’alba, quindi queste precauzioni sono importanti soprattutto durante queste ore.
Si raccomanda di:
·    Usare repellenti antizanzare che contengano DEET o picaridina o olio di eucalipto citriodora (eucalipto di limone), spruzzandoli sulla pelle e anche sui vestiti.
·    Indossare pantaloni lunghi e camicie con le maniche lunghe quando si è all’aperto:
·    Rimanere se possibile in casa durante le ore di attività delle zanzare (dal tramonto all’alba)
·    Usare le zanzariere per impedire alle zanzare di entrare in casa

Cosa si può fare per ridurre il numero di zanzare vicino alle abitazioni?
E’ molto importante eliminare i luoghi di riproduzione delle zanzare.
Le zanzare depongono le uova in acque stagnanti o a lento scorrimento, quindi si raccomanda di:
·    Rimuovere l’acqua stagnante da tutti i posti, anche piccoli, dove le zanzare potrebbero deporre le uova, (anche sottovasi, contenitori vari, teli protettivi, grondaie intasate…)
·    Eliminare tutti i contenitori che possano trattenere acqua (lattine, contenitori di plastica, vasi di ceramica, pneumatici di scarto, sottovasi, vecchi copertoni…)
·    Capovolgere piscine di plastica e carriole quando non vengono usate.
·    Cambiare l’acqua nelle vaschette per il bagno degli uccelli almeno ogni 3-4 giorni.
·    Pulire e mettere il cloro nelle piscine e nelle  vasche con acqua calda. Se queste non vengono usate, tenerle vuote e coperte.
·    Assicurarsi che le grondaie scarichino adeguatamente.

Ultima modifica: 07/09/2012

« October 2019 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Clicca sulle date in grassetto e visualizza gli eventi del giorno

Javascript disabilitato. Tag cloud non visibile.