Sei qui: Home » Il comune » Uffici » Tributi » Imposta di soggiorno
- indietro - livello superiore - stampa questa pagina

Imposta di soggiorno


 

IMPOSTA DI SOGGIORNO - RINVIATO AL 30 SETTEMBRE 2020 IL TERMINE PER IL RIVERSAMENTO AL COMUNE DELL’IMPOSTA INCASSATA NEI PRIMI DUE TRIMESTRI DEL 2020.

La Giunta Comunale, con delibera n. 71 di lunedì 4 maggio 2020, ha disposto il rinvio al 30 settembre dei termini di riversamento al Comune dell’Imposta di Soggiorno incassata dai gestori delle strutture ricettive nei primi due trimestri del 2020, scadenti rispettivamente il 15 aprile ed il 15 luglio 2020.

delibera n. n. 71 di lunedì 4 maggio


L’IMPOSTA di SOGGIORNO

E’ stata istituita con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 17 dicembre 2014, in base alle disposizioni previste dall’art. 4 del Decreto Legislativo 14 marzo 2011 n.23, e si applica a decorrere dal 1° gennaio 2015.

 Il gettito dell’imposta è destinato a finanziare interventi in materia di turismo, compresi quelli forniti in collaborazione con Provincia e regione, quelli a sostegno delle strutture ricettive nonché interventi di manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali, ambientali e quelli relativi ai servizi pubblici locali. Si rende possibile inoltre mantenere la sede IAT a Oderzo e realizzare iniziative del Comune finalizzate al richiamo turistico.

 

Presupposto dell’imposta e soggetto passivo

 Presupposto dell’imposta è il pernottamento in qualunque tipo di struttura ricettiva,come definite dalla Legge Regionale in materia di turismo e di attività agrituristiche, situata nel territorio del Comune di Oderzo.

Soggetto passivo dell’imposta è chi pernotta nelle strutture ricettive alberghiere ed extra alberghiere situate nel territorio del Comune di Oderzo e non risulta iscritto all’anagrafe dei residenti.

 

Novità 2018

 1. Modifiche al regolamento.

  Con delibera del Consiglio comunale n. 3 del 21 febbraio 2018 sono state introdotte alcune modifiche al Regolamento comunale sull’Imposta di Soggiorno, che sono in vigore dal 1° gennaio 2018.

Si riportano quelle di interesse per i gestori delle strutture ricettive:

 1.1. Definizione di strutture ricettive

 All’art. 2 la nozione di “strutture ricettive” viene ricondotta alla normativa regionale in tema di turismo (Legge regionale n. 11 del 14 giugno 2013 e successive modifiche)  e agriturismo (Legge regionale n. 28 del 10 agosto 2012 e successive modifiche), riportata alla sezione “Informazioni e approfondimenti”. Sono pertanto soggetti all’imposta di soggiorno i pernottamenti in:

a) strutture ricettive alberghiere: alberghi e residenze turistico-alberghiere;

b) strutture ricettive complementari: alloggi turistici, case per vacanza, unità abitative ammobiliate per uso turistico, bed & breakfast, agriturismo, alloggi, ostelli, attività ricettive in esercizi di ristorazione, alloggi locati esclusivamente per finalità turistiche,  senza prestazione di servizi (art. 27 bis L.R. 11/2013)**;

c) strutture ricettive all’aperto: villaggi turistici e campeggi.

 ** Per “locazioni brevi” per finalità abitative e anche turistiche si intendono i contrati di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni ( senza prestazione di servizi ad esclusione di quelli di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali)  stipulati da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, direttamente o tramite  intermediari immobiliari o portali telematici, e sono disciplinate:

-          dall’art. 1 della Legge n. 431/1998,

-          dall’art. 4 del D.L. 50/2017.

1.2.  Obbligo del gestore di rendere il conto della gestione

 All’art. 6 , con il nuovo comma 3, ai sensi delle diposizioni vigenti in materia di maneggio del denaro pubblico, il gestore è nominato Agente Contabile, con obbligo di rendere, entro il 31 gennaio di ogni anno, a decorrere dal 31 gennaio 2019, il Conto della Gestione su apposito modulo. Il Servizio Tributi del Comune fornirà tutte le indicazioni del caso.

 2. Pagamento anche con modello F24.

 

Dal 1° marzo 2018 è possibile versare l’Imposta di Soggiorno al Comune  anche tramite il modello F24, utilizzando, nella sezione “IMU e altri tributi locali”,  i seguenti codici:

Codice Comune: F999

Codice Tributo: 3936

ATTENZIONE

dal 23 Luglio 2018 il nuovo conto di tesoreria per il versamento tramite bonifico – con spese a carico dell’ordinante - é il seguente:

INTESA SAN PAOLO S.P.A. IBAN : IT82F0306912117100000046335   -    BIC : BCITITMM

Le tariffe

 L’imposta di soggiorno è determinata per persona e per pernottamento ed è commisurata con

riferimento alla tipologia di tutte le strutture ricettive.

L’imposta è applicata fino ad un massimo di 5 (cinque) pernottamenti consecutivi per persona, con le seguenti tariffe, approvate con delibera della Giunta Comunale n. 205 del 17/12/2014:

TIPOLOGIA STRUTTURA TARIFFA (per persona e per pernottamento)

Esercizi extra-alberghieri, agriturismi Euro 1,00

Esercizi alberghieri 1 stella Euro 1,20

Esercizi alberghieri 2 stella Euro 1,40

Esercizi alberghieri 3 stelle Euro 1,60

Esercizi alberghieri 4 stelle Euro 1,80

Esercizi alberghieri 5 stelle Euro 2,00


Dipende da: Tributi



Informazioni e approfondimenti:


Servizi di competenza e relativa modulistica:



Ultima modifica: 06/05/2020

« June 2020 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

Clicca sulle date in grassetto e visualizza gli eventi del giorno

Javascript disabilitato. Tag cloud non visibile.