Sei qui: Home » Il comune » Uffici » Tributi » I.M.U. / T.A.S.I. 2017 » Valore aree edificabili
- indietro - livello superiore - stampa questa pagina

Valore aree edificabili


 

 

Per le aree edificabili la base imponibile è costituita - sia per l'ICI che per l'MU - dal valore venale in comune commercio al 1° gennaio dell'anno di imposizione.

I valori minimi di riferimento per le aree edificabili, per zone omogenee e secondo le destinazioni urbanistiche, gia validi ai fini ICI (Delibera Giunta Comunale n. 233 del 20 dicembre 2006) sono confermati anche per l'IMU e sono i seguenti:

(attenzione : i valori si riferiscono a metri cubi edificabili per le aree residenziali ed a metri quadri edificabili per le aree commerciali/ produttive)

AREE RESIDENZIALI urbanizzate  da urbanizzare  e TURISTICHE  (euro al mc. edif.le euro al mc. edif.le)

zona di pregio* Euro 140,00 (urbanizzate)    Euro 65,00   (da urbanizzare)
zona normale    Euro 100,00 (urbanizzate)    Euro 50,00   (da urbanizzare)

AREE COMMERC./PRODUTT. urbanizzate da urbanizzare  (euro al mq. edif.le euro al mq.edif.le)

zona di pregio* Euro 110,00  (urbanizzate)    Euro 60,00  (da urbanizzare)
zona normale    Euro   65,00  (urbanizzate)    Euro 50,00  (da urbanizzare)

*ATTENZIONE: con deliberazione della Giunta comunale n. 8 del 17.01.2011 è stata definita la nuova delimitazione delle zone di pregio  valida ai fini ICI a decorrere dall'anno di imposta 2011, valida anche ai fini IMU.

Si segnala che la fissazione di tali valori ha lo scopo di autolimitare il potere di accertamento da parte dell’ ufficio, nel senso di ritenere congruo il valore delle aree fabbricabili laddove esso sia stato dichiarato dal contribuente in misura non inferiore a quella stabilita, fermo restando che, ai sensi del comma 5 dell’art. 5 del D. Lgs. n. 504/92, il valore delle aree fabbricabili è quello venale in comune commercio al 1° gennaio dell’anno di imposizione.

La decorrenza dell’imposizione di un terreno come area edificabile è stata individuata con due interventi normativi (art. 11 – quaterdecies, comma 16, del D.L. 203/2006 come converito in legge n. 248/2005 e art. 36 , comma 2, del D.L. n. 223/2006 come convertito in legge n. 248/2006) dal momento dell'adozione dello strumento generale da parte del comune.

 Allo scopo si elencano gli atti che si sono susseguiti:

 

  •  Delibera di C.C. n. 34  del 21/10/2004 adozione della variante generale al PRG;
  •  Delibera di C.C. n. 54  del 18/12/2007 adozione del PAT;
  •  Delibera di C.C. n. 37 del 14/09/2009 adozione variante parziale al PRG  precisando che con tale delibera veniva accertato che il PRG     vigente rivestiva i requisiti previsti dalla LR 11/2004 per il piano degli interventi e poteva pertanto essere considerato PI a tutti gli effetti acquisendo piena efficacia;
  •  Delibera di C.C. n. 89 del 29/11/2010 adozione del Piano degli Interventi;
  • Delibera di C.C. n. 15 del 19/03/2012 adozione del "Piano degli Interventi n. 2" e  del Regolamento Edilizio.

 


Ufficio di competenza: I.M.U. / T.A.S.I. 2017

Responsabile unità operativa: Dott.ssa Claudia Cristanelli
Responsabile: Marcuzzo Anna
Tel. 0422 812238
E-mail: anna.marcuzzo@comune.oderzo.tv.it


Modulistica:




Ultima modifica: 06/03/2017

« July 2017 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Clicca sulle date in grassetto e visualizza gli eventi del giorno

Javascript disabilitato. Tag cloud non visibile.