Sei qui: Home » Il comune » Uffici » Affari generali - Demografici - Cultura » Demografici » Anagrafe » Certificati anagrafici (residenza, stato famiglia, stato libero ecc.)
- indietro - livello superiore - stampa questa pagina

Certificati anagrafici (residenza, stato famiglia, stato libero ecc.)



!! ATTENZIONE !!

 

Dal 01/01/2012 i certificati emessi dal Comune NON sono validi e utilizzabili per i rapporti con le Pubbliche Amministrazioni (Questura, Prefettura, Motorizzazione Civile ecc.) e con i Privati gestori di pubblici servizi (es. Rai, Enel, Savno ecc). Le Pubbliche Amministrazioni e i gestori non possono più richiederli ai sensi dell'art. 15 L. 183/2011 e accettarli costituisce violazione dei doveri di ufficio.

 

 

Per il rilascio di estratti e certificati di nascita, matrimonio, morte e unione civile si prega di consultare la sezione apposita  Richiesta certificati di nascita, matrimonio unione civile e morte

 


Cosa sono i certificati anagrafici

I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza o da qualunque Comune subentrato nell’ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) nonché degli italiani residenti all'estero (AIRE).

I certificati anagrafici sono:

  • residenza
  • residenza AIRE
  • stato di famiglia
  • stato di famiglia AIRE
  • anagrafico di nascita, matrimonio unione civile: tali certificazioni si utilizzano per coloro che, pur essendo residenti in Oderzo non hanno qui trascritto il relativo atto di stato civile. I dati contenuti nei certificati anagrafici di nascita, matrimonio e morte sono desunti dall'archivio anagrafico, e pertanto potrebbero riportare informazioni errate o non aggiornate rispetto al corrispondente atto di stato civile. I certificati anagrafici in questione soggiacciono alle regole stabilite per i certificati anagrafici in genere, compreso i costi e il trattamento fiscale
  • Esistenza in vita

Sono rilasciabili solo ai cittadini residenti in Italia e, quindi non agli iscritti in AIRE, per i quali è competente al rilascio il Consolato d’Italia nella cui circoscrizione ha la residenza il cittadino:

  • Cittadinanza
  • Stato libero

 

Sono invece rilasciabili solo dal Comune di residenza o di iscrizione AIRE i certificati di:

  • Godimento diritti politici
  • Iscrizione alle liste elettorali

Certificati cumulativi

È possibile attestare mediante certificato cumulativo più condizioni nello stesso certificato. A richiesta dell'utente, si possono rilasciare emettere i seguenti certificati cumulativi:

  • Certificato di residenza e stato di famiglia
  • Certificato di residenza, stato di famiglia, cittadinanza e stato civile.

 


Contenuti, limiti e validità

 

I certificati anagrafici non contengono, per ragioni legate alla riservatezza personale, né l'indicazione dei gradi di parentela, né le informazioni relative allo stato civile dei membri della famiglia.

 

Le certificazioni anagrafiche hanno validità di tre mesi dalla data di rilascio.

 


Chi può richiedere un certificato anagrafico

Fatti salvi i divieti di comunicazione di dati, stabiliti da speciali disposizioni di legge, l'ufficiale di anagrafe rilascia a chiunque ne faccia richiesta, previa identificazione, i certificati concernenti la residenza, lo stato di famiglia degli iscritti nell'anagrafe nazionale della popolazione residente, nonché ogni altra informazione ivi contenuta.
 


Come fare

Allo sportello

Il richiedente deve essere munito di documento d’identità e codice fiscale. Se il certificato si riferisce a persona diversa dal richiedente deve essere presentata domanda scritta (usare l'apposito modulo)

 

Per corrispondenza

1) L'istanza può essere rivolta verbalmente allo sportello oppure può essere trasmessa

a.   Via FAX, al numero 0422 815193;  

b.   Per POSTA: Comune di ODERZO - Via Giuseppe Garibaldi n. 14 - 31046 Oderzo (TV);

c.   Via PEC (Posta Elettronica Certificata) da una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) del richiedente alla casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) del Comune di Oderzo: protocollo.comune.oderzo.tv@pecveneto.it   (non riceve da caselle di posta elettronica ordinaria)

d.   Via EMAIL da un indirizzo di posta elettronica ordinaria all'indirizzo di posta elettronica ordinaria demografici@comune.oderzo.tv.it (non riceve da PEC);

2)    L'istanza deve essere firmata dal richiedente che deve allegare obbligatoriamente copia di un documento di identità. In caso di invio telematico, le istanze devono essere acquisite mediante scanner e trasmesse nei modi indicati al punto 1).

3)     Alla domanda debbono essere allegati la ricevuta dell'avvenuto pagamento delle spese postali (se dovute).

4)     Le istanze prive di firma autografa e di copia di documento di identità sono irricevibili e non saranno considerate (fatta salva la possibilità di firma digitale delle istanze inviate telematicamente);

6)     La casella di posta certificata protocollo.comune.oderzo.tv@pecveneto.it  riceve solo da caselle PEC

7)     La casella di posta ordinaria demografici@comune.oderzo.tv.it riceve solo da caselle di posta ordinaria.

 

 

Le richieste prive di firma o fotocopia del documento sono nulle e pertanto non saranno considerate ed archiviate senza seguito.


Costi e modalità di pagamento

 

Imposta di bollo e diritti di segreteria

I certificati anagrafici sono rilasciati in bollo (€ 16,00), tranne CASI DI ESENZIONE e si applicano ad essi i diritti di segreteria (€ 0,52 - o in caso di esenzione dall’imposta di bollo, € 0,26 - in alcuni casi è prevista l’esenzione dei diritti di segreteria).

 

Non è nella facoltà del richiedente il certificato decidere se l'atto vada in bollo oppure in carta libera e neppure è a discrezione degli uffici che richiedono o rilasciano atti.

 

I certificati, quando richiesti all'ufficio anagrafe, devono essere rilasciati in bollo "sin dall'origine" (D.P.R. 642/72) per cui il bollo è la regola, mentre la "carta semplice" è l'eccezione, pena l'evasione del tributo di bollo.

Facendo l'autocertificazione, invece, non è dovuta l'imposta di bollo.

Spese postali

In caso di spedizione a domicilio, deve essere allegata una busta preaffrancata per la risposta (per l'Italia) o coupon-réponse international (per l'estero), oppure devono essere pagate le seguenti tariffe postali nelle modalità di seguito indicate:

  • spedizione in Italia: ricevuta di pagamento di € 0,90 per ciascun certificato
  • spedizione in Europa: ricevuta di pagamento di € 1,05 per ciascun certificato
  • spedizione in Africa, Asia, America: ricevuta di pagamento di € 2,25 per ciascun certificato
  • spedizione in Oceania: ricevuta di pagamento di € 2,95 per ciascun certificato


Cosa sono l'imposta di bollo e i diritti di segreteria e perché si pagano

L'imposta di bollo è una imposta riscossa dallo Stato in connessione alla formazione o all'uso di atti, certificati, registri o documenti individuati nella normativa vigente.

 

I diritti di segreteria sono un corrispettivo versato al Comune per una attività da esso svolta. La misura dei diritti di segreteria per le pratiche demografiche è fissata dalla Tabella D allegata alla legge 8 giugno 1962, n° 604 e successive modificazioni ed integrazioni.

 

L'utilizzo di certificati rilasciati in esenzione da bolli e spese per fini diversi da quelli indicati sul certificato è una violazione della normativa fiscale vigente.

 

L'articolo 22 del DPR 26 ottobre 1972, n. 642 stabilisce che sono SOLIDALMENTE OBBLIGATI al pagamento dell'imposta e delle eventuali soprattasse e pene pecuniarie tutti i soggetti che hanno sottoscritto, ricevuto, accettato o negoziato atti e documenti non in regola con l'imposta o che degli stessi facciano uso.

 

La responsabilità per il mancato pagamento del bollo ricade sul richiedente, su chi ha firmato l'atto e sul funzionario ricevente che non provvede a trasmettere l'atto irregolare all'ufficio del registro. La sanzione prevista va da 2 a 10 volte l'importo evaso più la marca prevista.

 

Nel caso in cui si abbia il fondato sospetto di trovarsi di fronte ad una evasione fiscale, a seguito della richiesta di un certificato anagrafico per un uso dichiarato difforme da quello che si può effettivamente presumere, qualora, da elementi intrinseci all'atto, possa emergere in maniera incondizionata che l’invocata norma d’esenzione è incoerente od erronea, l’ufficiale d’anagrafe inoltrerà  formale segnalazione all'Agenzia delle Entrate per gli eventuali controlli che l’Agenzia stessa ritenga di effettuare.

 

Il fatto che altri Comuni non applichino l’imposta di bollo ai certificati anagrafici non rileva ai fini dell'esenzione.

 



Normativa di riferimento: Legge 24 dicembre 1954 n. 1228 "Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente".
D.P.R 30/08/1989, n. 223 "Nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente".
D.P.R.26/10/1972, n. 642 "Disciplina dell'imposta di bollo".
Legge 8 giugno 1962, n. 604.
D.P.R.del 28/12/2000, n, 445 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa"

Documenti da presentare: Documento di identità in corso di validità del richiedente
Domanda compilata in tutte le sue parti se la richiesta non è fatta personalmente allo sportello e in ogni caso in cui si richiedano certificati relativi ad altre persone.

Durata del procedimento: I certificati richiesti allo sportello vengono rilasciati immediatamente. Se richiesti per corrispondenza sono rilasciati in 30 giorni.

Ufficio di competenza: Anagrafe
Via Garibaldi, 14

Responsabile unità operativa: Thomas Stigari
Referente ufficio: Thomas Stigari
Tel. 0422 - 812205
E-mail: demografici@comune.oderzo.tv.it


Modulistica:




Ultima modifica: 07/07/2019

« November 2019 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Clicca sulle date in grassetto e visualizza gli eventi del giorno

Javascript disabilitato. Tag cloud non visibile.