Sei qui: Home » Il territorio » Opitergium Città archeologica » I materiali di proprietà statale
- indietro - livello superiore - stampa questa pagina

I materiali di proprietà statale

Attualmente il Museo espone e conserva nei magazzini, accanto a quelli di proprietà civica, un consistente numero di reperti di proprietà statale che, sulla base della Legge n. 1089 del 1939, successivamente perfezionata dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 2002 (Legge n. 137), appartengono automaticamente, dal momento della loro scoperta, allo Stato Italiano.

Di questi materiali la competenza scientifica spetta direttamente e per intero alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto, organo periferico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Il Museo Civico Archeologico che li accoglie collabora tuttavia, in qualità di referente scientifico locale, alla loro conservazione, salvaguardia e tutela.

Dei materiali esposti nelle sale del Museo, alcuni provengono da vecchi recuperi effettuati a Oderzo e nell'Opitergino (Cessalto, Chiarano, Fontanelle, Salgareda), altri da indagini recenti effettuate in città.

Questi ultimi sono in particolare relativi relativi alle fasi protostoriche (scavi di Via Savonarola, Piazza Castello, lottizzazione S. Martino, largo Europa, ecc.) e, per quanto concerne l'epoca romana altoimperiale, ai drenaggi di anfore sottostanti le necropoli romane (scavi di Via Spinè, Via Altinate, Via Garibaldi).

Ultima modifica: 11/02/2009

« June 2019 »
Su Mo Tu We Th Fr Sa
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30

Clicca sulle date in grassetto e visualizza gli eventi del giorno

Javascript disabilitato. Tag cloud non visibile.